Maya 60 min. 30 min.

scarola

La ricetta che propongo può essere utilizzata come “street food” ed è una rivisitazione di una ricetta napoletana presente nei miei ricordi: la pizza con la scarola. La mangiavamo di solito nei giorni di vigilia delle feste, quando non era concesso mangiare carne. Provatelo, rimarrete stupiti di come un ingrediente così semplice e sano possa diventare così gustoso. Avvolto nella pasta fillo abbiamo un piacevole nota croccante.

Ingredienti

nr.1 confezione di pasta fillo
nr.1 cespo di scarola
capperi
olive nere di gaeta denocciolate
olio
nr.1 spicchio d’aglio
olio
sale
pepe

Preparazione

La pasta fillo solitamente si vende surgelata, quindi va fatta scongelare a temperatura ambiente per circa 1 ora.

Nel frattempo lavare la scarola e tagliarla a listallerle.

In una padella mettere un cucchiaio di olio, uno spicchio d’aglio, i capperi e le olive.

Mettere la scarola nella padella insieme agli altri ingredienti e lasciare appassire con un coperchio. Quando la scarola si è ammorbidita togliere il coperchio perché si consumi l’acqua e lasciare cuocere fino a che non si insaporisce. Regolare di sale.

Aprire la pasta fillo che di solito è arrotolata. Sovrapporre per ogni porzione 3 fogli e dividere con un coltello i fogli in due parti per il lungo. Ogni parte sarà la base di una porzione. La pasta fillo è molto delicata, ogni foglio è sottilissimo e si rompe facilmente e inoltre si secca molto se lasciata all’aria e poi non è più lavorabile.

Quando la scarola è cotta, disporla ad una estremità di ogni gruppo di 3 fogli di carta follo e avvolgerla formando un triangolo. Per chiudere bagnare la pasta che tenderà ad incollarsi.

Infornare a 180° in forno statico per circa 30 minuti.

Mangiare caldi…e croccanti!